Atleticamente: 340 tecnici a lezione di atletica

12 Novembre 2017

La seconda e ultima giornata del convegno di scienza e tecnologia applicate allo sport di Padova ha visto, fra gli altri, gli interventi di Patrizio Parcesepe e Salvino Tortu. 


 

Seconda giornata di studio e aggiornamento, a Padova, per i 340 tecnici di tutta Italia iscritti alla tredicesima edizione di AtleticaMente, il convegno dedicato alla scienza e alla tecnologia applicate all’atletica leggera e allo sport in generale. "A Tokyo 2020... passando per Londra" è il titolo scelto quest’anno, pretesto per approfondire i temi dell’allenamento della forza, del controllo dell’allenamento e in generale dello sviluppo del talento. (LA PRIMA SESSIONE)

A salire in cattedra, nell’ultima sessione dell’edizione 2017, sono stati fra gli altri i coach di due azzurri nel 2017 saliti sulla ribalta internazionale: Patrizio Parcesepe, guida tecnica del bronzo mondiale della 20 chilometri di marcia Antonella Palmisano, e Salvino Tortu, padre e allenatore di Filippo, il campione europeo e primatista italiano U20 dei 100 metri. Due relazioni dal taglio diverso, ma entrambe apprezzate dai colleghi in platea: Parcesepe ha descritto con chiarezza le scelte strategiche e il percorso compiuto insieme alla 26enne pugliese sin dal 2012, anno dell’inizio di una collaborazione che ha portato la giovane marciatrice da 1h34:27 a 1h26:36, il crono con cui è salita sul podio iridato di Londra.

Tortu si è focalizzato invece sulle scelte tecniche e in particolare su quelle che incidono sulla tecnica di corsa e sul gesto del talento azzurro dello sprint.

L’ultima sessione, alla Sala Pontello della Fondazione Opera Immacolata Concezione, è stata aperta però da due report sul supporto tecnico scientifico nella valutazione e nel controllo dell’allenamento tenute da due giovani ricercatori sulla valutazione dell’allenamento: Gaspare Pavei, PhD all’Università Statale di Milano, e Stefano Serranò, tecnico dell’Aeronautica Militare e collaboratore FIDAL per la riatletizzazione. Carlo Buzzichelli, direttore dell’International Strenght & Conditioning Istitute, ha portato la propria esperienza professionale decennale negli Stati Uniti e con la nazionale cubana di atletica.

Il convegno, organizzato da FIDAL, Comitato Regionale CONI Veneto, Centro Studi FIDAL, Comitato Regionale FIDAL Veneto e Scuola Regionale dello Sport del Veneto, ieri aveva visto gli interventi di Nicola Maffiuletti (Neuro Muscolar Research Laboratory della Schultess Clinic di Zurigo) e di Jean-Benoit Morin, docente dell’Università di Nizza e di St. Etienne che ha dato anche una dimostrazione pratica in palestra con la partecipazione degli sprinter Michael Tumi.

Anna Chiara Spigarolo

Il programma di ATLETICAmente 2017 è disponibile al seguente LINK.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate