EuroCross, Crippa c'è: ''Voglio stare tra i big''

07 Dicembre 2019

Domenica a Lisbona la rassegna continentale, il primatista italiano dei 10.000 ci prova: "Percorso duro, tanta salita che farà selezione". Battocletti difende il titolo under 20: "Quest'anno livello altissimo"


 

di Nazareno Orlandi

Il percorso è nervoso, da specialisti veri: pochi metri pianeggianti, dossi e continui cambi di pendenza da gestire. Gli azzurri hanno preso confidenza stamattina con il saliscendi degli Europei di cross di Lisbona, edizione numero 26, nella classica ricognizione del percorso alla vigilia: l’erba tiene bene lungo l’intero anello, di fango ce n’è soltanto nell’area di partenza ma le previsioni meteo non escludono qualche goccia di pioggia nella tarda mattinata di domani, in coincidenza con le prove senior. A 24 ore dall’evento sulla grande conca del Parque da Bela Vista splende il sole e tra i 35 azzurri (sei squadre e la staffetta mista) prevale ottimismo e concentrazione. Tanta salita - dopo la partenza svolta a destra e inizia subito la scalata - e altrettanta discesa ripida, non meno insidiosa, in particolare nei quattrocento metri finali del giro “lungo” da 1500 metri che gli atleti dovranno ripetere più volte a seconda della categoria, abbinato a un “corto” da 500 metri. 

CRIPPA: "DAL KENYA A LISBONA" - L’uomo di punta della spedizione azzurra, Yeman Crippa, è arrivato ieri pomeriggio dal Kenya, via Istanbul: serata davanti allo smartphone a tifare la sua Inter contro la Roma e poi mattinata dedicata allo studio del percorso sul quale sfiderà alcuni tra i migliori interpreti della specialità, dal campione in carica Filip Ingebrigtsen, al belga Isaac Kimeli secondo un anno fa, al duo di ex vincitori turchi Aras Kaya e Ali Kaya, allo svizzero Wanders e al ventenne spagnolo Oumaiz: “Il percorso è durissimo - l’impressione di Crippa dopo averlo battuto metro per metro - ma è meglio così, almeno farà selezione e potremmo rimanere in pochi negli ultimi giri: sono contento, seppure non sia specializzato nella salita. Cercherò di correre facile, passettini corti, e proverò a staccarli tutti, anche se non ho preparato al cento per cento il cross, perché sono già focalizzato sulla stagione di Tokyo 2020 e questa è soltanto una tappa di passaggio: le quattro settimane in Kenya a 2400 metri sono andate super bene. Se i turchi sono in forma, il percorso è adatto alle loro caratteristiche e diventano i più pericolosi, quindi bisogna stare incollati a loro e poi provare a superarli. I vari Ingebrigtsen, Kimeli, e gli altri, sono tutti nella mia stessa condizione e credo correranno forte”. A squadre si ricomincia dal terzo posto della scorsa edizione a Tilburg: “Sì, anche con il team si può fare bene - conclude Crippa, 23 anni, primatista italiano dei 10.000 in occasione dell’ottavo posto ai Mondiali di Doha, due volte a segno agli EuroCross da under 20 (2014/2015) e due volte bronzo da under 23 (2016/2017) - siamo una bella realtà, c’è mio fratello Neka, Said El Otmani e altri ragazzi come Fontana e Gerratana che si sono distinti nei cross in Italia. Io ce la metterò tutta, e loro faranno lo stesso”.

BATTOCLETTI: "PERCORSO DA CORSA IN MONTAGNA" - Tra i temi principali della domenica portoghese c’è anche il nuovo assalto di Nadia Battocletti al titolo europeo under 20: “Probabilmente stavolta sarà ancora più difficile perché l’anno scorso eravamo in una decina a giocarcela, ma quest’anno siamo in cinque molto competitive, tutte campionesse europee under 20 tra pista e cross - osserva l’azzurrina, 19 anni, pensando alla svizzera Sclabas, alla slovena Lukan, alla polacca Dudek e alla tedesca Schneiders, senza dimenticare la portoghese Machado che ha stupito nei cross di novembre -. La qualità è molto più alta rispetto alle altre edizioni: sono tutte fortissime e parto dall’idea di non sottovalutare nessuna, ma neanche di sopravvalutarle. Gareggeremo su un percorso bellissimo da vedere e tosto da correre: si avvicina un po’ alla corsa in montagna. Questi Europei di cross li ho preparati attentamente e sono soddisfatta dei miei ultimi allenamenti. So che domani servirà anche un pizzico di fortuna”. In squadra, con sé, avrà anche due fresche campionesse del mondo della corsa in montagna, l’oro individuale Angela Mattevi e Anna Arnaudo, le cui caratteristiche potrebbero adattarsi alla particolarità del percorso. 

CHIAPPINELLI: "U23? VOGLIO FINIRE BENE" - Ha scelto un ultimo blitz tra gli under 23 per provarci fino in fondo, e non si nasconde, Yohanes Chiappinelli: “Vengo con l’obiettivo di competere per una medaglia - spiega “Yoghi”, già argento tra gli under 20 a Chia nel 2016 - Vorrei concludere questa categoria giovanile nel migliore dei modi. Il favorito è sicuramente il francese Gressier campione in carica, ma sono qui per giocarmi le mie carte. Non ho finalizzato questa gara: a Iten, in Kenya, abbiamo lavorato in vista del 2020, ed è stata una bella esperienza, una realtà da vivere per chi corre e mi auguro di tornarci presto. Lisbona è uno dei percorsi più impegnativi che abbia mai affrontato a un Europeo di cross, ma lo sarà per tutti”. 

Clicca qui - (PDF) LE SCHEDE DEGLI AZZURRI DI LISBONA 2019

IL PROGRAMMA - orario italiano
11.00: under 20 uomini (6,225 km)
11.30: under 20 donne (4,225 km)
11.55: under 23 uomini (8,225 km)
12.30: under 23 donne (6,225 km)
13.05: staffetta mista (4x1,5 km)
13.35: senior uomini (10,225 km)
14.20: senior donne (8,225 km)

DIRETTA STREAMING - Gli Europei di cross di Lisbona saranno trasmessi in diretta streaming integrale domenica 8 dicembre su RaiSport Web dalle 11.00 e in differita alle 24.00 su RaiSport+HD.

FOTO - LA SQUADRA AZZURRA - ISCRITTI - TUTTE LE NOTIZIELA PAGINA EA DELLA MANIFESTAZIONE

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Gli azzurri a Lisbona sul percorso di gara degli Europei a squadre (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 CAMPIONATI EUROPEI di CROSS