Strada: Riva conquista la Mezza di Treviso

10 Ottobre 2017

L’azzurrino si aggiudica il successo in 1h04:55. Risultati e vincitori del weekend nelle manifestazioni inserite nel calendario nazionale.


 

Sprazzi d’azzurro sulle strade della Mezza di Treviso con il successo del ventenne Pietro Riva, domenica 8 ottobre, nella quarta edizione della gara che ha fatto segnare il nuovo record di arrivati: 2270, il 6 per cento in più rispetto al 2016. Il piemontese delle Fiamme Oro, campione europeo juniores nei 10.000 metri nel 2015, ha chiuso in 1h04:55, tempo di valore per un atleta praticamente al debutto sulla distanza. Alle sue spalle, in 1h06:06, il trevigiano Paolo Zanatta (Fiamme Oro) che ha corso con il simbolo del lutto per la morte del papà avvenuta in settimana. Terzo, in 1h07:21, il keniano Elvis Kipkoech. Miglior donna, come da pronostico, la keniana Viola Chepngeno, giunta sul nuovo traguardo ai piedi delle mura in 1h13:50. Riva ha fatto corsa di testa con Kipkoech sino al 15° chilometro: i due atleti sono transitati in 30:42 al decimo e in 45:52 al successivo parziale. Poi l’allungo decisivo di Riva: “Ho corso senza fatica la prima metà di gara – ha commentato l’azzurrino - quindi tra il 12° e il 15° chilometro il ritmo è calato perché Kipkoech era in difficoltà e io ho atteso ancora un po’ prima di andarmene. Sono contento della prestazione cronometrica: volevo correre in meno di 1h05 e così è stato. La maratona? È nel mio futuro, ma non subito. Prima voglio migliorarmi ancora in pista”. Domenica di grandi emozioni anche per Paolo Zanatta, che sul traguardo, dopo il grave lutto che l’ha colpito in settimana, ha puntato il dito al cielo. “Ho corso bene e realizzato il personale. Papà mi è stato vicino per tutta la mia carriera: questo secondo posto, sulle strade della nostra città, è dedicato a lui”. Al femminile la vincitrice Viola Chepngeno ha fatto corsa a sé sin dai primissimi metri, aiutata per un tratto di gara dal connazionale James Kibet: la diciannovenne keniana ha mancato di soli 10 secondi il record della gara stabilito nel 2014 dalla connazionale Hellen Jepkurgat (1h13:40). Sul podio anche Serena Guagliata (Corriferrara, 1h25:16), e Barbara Dore (Atl. Signa, 1h26:07). Nella manifestazione organizzata da Salvatore Bettiol, in corsa anche il campione olimpico di maratona a Seul 1988, Gelindo Bordin, arrivato al traguardo appena sopra le 2 ore di gara. [RISULTATI/Results]

GIRO DI ROVERETO - Prosegue il dominio africano al Giro di Rovereto, in Trentino. L’edizione numero 70 della manifestazione podistica organizzata dall’Us Quercia Trentingrana, sabato 7 ottobre nel centro cittadino, ha regalato il successo in 29:06 sui 10 chilometri al ventinovenne keniano James Kibet, abile nel finale ad avere la meglio dei due principali antagonisti, vale a dire il giovane ugandese Albert Chemutai (Toscana Atl. Futura, 29:08) e il marocchino Hicham Amghar (29:18). Al termine dei sette giri da 1370 metri del rinnovato circuito, più lungo del consueto, il carabiniere grossetano Stefano La Rosa (Carabinieri) è stato capace di mantenersi nelle posizioni calde della classifica per gran parte del tracciato, per raccogliere infine il settimo posto (29:49) davanti a Osama Zoghlami (Cus Palermo), ottavo in 29:57. Decimo il siepista azzurro Abdoullah Bamoussa (Atl. Brugnera Friulintagli, 30:05) con Giuseppe Gerratana (Areonautica Militare, 30:10) undicesimo: a sostenere la loro fatica era presente a bordo strada anche Yeman Crippa, reduce dall’ottimo quarto posto nel Giro al Sas della scorsa settimana a Trento. [RISULTATI/Results]

TELESIA HALF MARATHON - A Telese Terme (Benevento), domenica 8 ottobre nella terza edizione della Telesia Half Marathon, quasi 2200 iscritti con il record della manifestazione al maschile realizzato in 1h02:08 dal keniano Rodgers Maiyo, migliorando quello di Andrea Lalli (1h02:53 nel 2015), e al femminile ottenuto dalla connazionale Winfridah Moraa Moseti (Atletica 2005) in 1h11:24 superando il primato di Laila Soufyane, 1h13:10 sempre due anni fa. La gara maschile è stata un monologo del leader sin dall’avvio, con gara solitaria sin dal primo chilometro, per arrivare a soli 12 secondi dal primato personale. Sul podio gli altri keniani Philimon Kipkorir Maritim (1h04:14) e Andrew Kwemoi Mang’ata (International Security Service, 1h04:45), nono e primo italiano il campano Antonello Landi (Atl. Potenza Picena, 1h10:32). Stesso sviluppo nella prova femminile con la supremazia assoluta della vincitrice, al nono successo consecutivo nelle mezze maratone da quando è arrivata in Italia. Alle sue spalle le connazionali Ivyne Jeruto Lagat (#iloverun Athletic Terni, 1h15:03) e Pauline Eapan (1h22:27), quinta Annamaria Vanacore (Atl. Scafati, 1h27:18). Nel corso della mattinata la Pink Race, passeggiata rosa di 3 km a favore della ricerca sul tumore al seno, ha preso il via subito dopo la mezza maratona con oltre 500 donne. [RISULTATI/Results]

PISA - Successo di partecipazione nell’11ª Pisa Half Marathon-Cetilar Run con 1400 iscritti e 1273 classificati nella mezza maratona che si è conclusa accanto alla Torre Pendente. In campo maschile ha vinto il keniano Paul Tiongik (Gp Parco Alpi Apuane) che in 1h03:56 ha preceduto il ruandese Jean Baptiste Simukeka (1h04:58) e Frederick Habakurama (1h08:09), entrambi della Vini Fantini Pescara. Tra le donne successo per Celine Iranzi (Gs Orecchiella Garfagnana) che ha chiuso in 1h16:17, davanti a Denise Cavallini (Gs Lammari, 1h21:59) e Veronica Vannucci (Atl. Castello, 1h22:12). Nella manifestazione organizzata dal Gp Parco Alpi Apuane in collaborazione con Leaning Tower Runners e con l’associazione Per donare la vita onlus. Testimonial d’eccezione è stato il regista e attore Carlo Verdone, portatore di un messaggio volto a sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore sociale della donazione degli organi e dei tessuti a scopo di trapianto.

La partenza della mezza maratona competitiva è stata preceduta dallo start di un gruppo di atleti spingitori che si sono alternati nel portare avanti le carrozzine di atleti disabili lungo tutto il percorso. [RISULTATI/Results]

PORDENONE - Nella 12ª Maratonina dei Borghi, a Pordenone, davanti a tutti l’ugandese Anthony Ayeko (Atl. Futura) che ha vinto in solitaria con il tempo di 1h05:20. Al secondo posto il keniano Maritim Kipkoech in 1h06:43 seguito dall’altro ugandese Simon Rugut Kipngetich (Toscana Atl. Futura, 1h06:46), quinto Lucio Sacchet (Ana Atl. Feltre, 1h09:31). Doppietta keniana al femminile con Mary Wanjohi Wangari in 1h14:14 su Lucy Liavoga (1h15:37), quindi l’ugandese Adha Munguleya (Gs Lammari, 1h18:50), in quarta posizione Naima Masoudi (Atl. Brugnera Friulintagli) con 1h19:04. Il percorso della gara, organizzata dall’Equipe Athletic Team, si snoda nel centro storico della città fra gli antichi portici e i palazzi affrescati, passa per i borghi di Torre, Borgo Meduna, Villanova e Valle Noncello, con un rettilineo finale di cinquecento metri che convoglia i podisti all’arrivo in piazza XX Settembre. Insieme alla Passeggiata per acque parchi e musei, una camminata di 8 chilometri, superate le 1100 presenze complessive. [RISULTATI/Results]

BEDIZZOLE - Alla 5 Castelli Bedizzole Half Marathon, in provincia di Brescia, successo del keniano James Murithi Mburugu in 1h04:49 a precedere il recordman del percorso Hosea Kimeli Kisorio (Atl. Virtus Cr Lucca, 1h05:51) e il campione mondiale di corsa in montagna lunghe distanze Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana, 1h08:39). Tra le donne vittoria annunciata per l’altra keniana Caroline Cherono in 1h16:50 che si lascia alle spalle la vicecampionessa iridata a squadre di trail Gloria Giudici (Freezone, 1h19:32) e Monica Seraghiti (Atl. Brescia Marathon, 1h24:20). [RISULTATI/Results]

IN PUGLIA - Edizione inaugurale per la Half Marathon Poggio Imperiale-Lesina (Foggia), organizzata dalla Podistica Lucera. Il keniano Jonathan Kosgei Kanda (Atl. Castello) che ha percorso i 21,097 chilometri in 1h05:04 per avere la meglio sul connazionale Julius Rono (Atl. Recanati, 1h05:09), terzo Dario Santoro (Daunia Running, 1h09:08). Tra le donne si è imposta la keniana Vivian Jerop Kemboi (#iloverun Athletic Terni) in 1h15:31 nei confronti di Ruth Chelangat Wakabu (Atl. Futura, 1h19:53) e Virginia Petrei (Acsi Italia Atletica, 1h30:10). Il percorso, con partenza da Poggio Imperiale, ha portato i podisti verso Lesina attraverso le campagne in un paesaggio tipicamente autunnale nel quale si scorgeva il Lago di Lesina con la vista dell’Oasi protetta, quindi rientro a Poggio Imperiale dopo aver affrontato la salita finale. [RISULTATI/Results]

BARDOLINO - Una splendida giornata ha accolto i circa mille atleti che hanno preso parte a La 10 di Bardolino, sulla distanza dei 10 chilometri tra l’entroterra e le rive del Lago di Garda, con 434 atleti classificati nella gara competitiva. Combattuta la prova maschile che ha visto, per i primi 4 chilometri, un gruppetto compatto di atleti: a rompere l’equilibrio è stato Salvatore Franzese (Atl. Reggio) incalzato da Nicolò Olivo, portacolori dell’Atletica Insieme New Foods Verona che ha organizzato la manifestazione, con i due atleti in testa per circa 3 chilometri prima del secondo e definitivo allungo di Franzese: 32:29 il tempo finale, alle sue spalle Olivo in 32:59 e Riccardo Barion (Giancarlo Biasin Illasi), terzo in 33:23. Gara in solitaria, invece, al femminile per Sara Bottarelli: la bresciana della Freezone è partita sicura dei propri mezzi, in testa dall’inizio alla fine, per chiudere in 36:15. Alle spalle dell’azzurra di corsa in montagna, Veronica Paterlini (Cus Parma, 38:23) ed Elektra Bonvecchio (Atl. Trento, 38:49). [RISULTATI/Results]

NOVI LIGURE - Clima fresco e asciutto nella 32ª Mezza Maratona di Novi Ligure (Alessandria) vinta da Tariq Bamaarouf (Team Marathon) sul traguardo dello stadio Girardengo in 1h11:19, alle sue spalle Loris Mandelli (Pol. Carugate, 1h11:43) che era andato in fuga nella parte iniziale e Marco Dassetto (Atl. Settimese, 1h13:40). A conquistare la prova femminile è stata Elisa Stefani (Brancaleone Asti) con 1h18:32. Sul podio anche la sua compagna di club Giovanna Caviglia in 1h21:08 e Debhora Li Sacchi (Olimpia Runners, 1h25:17). [RISULTATI/Results]

TRAIL - Bella giornata a Malcesine (Verona) per la settima edizione della Lake Garda Mountain Race, il doppio vertical che dalle sponde del lago di Garda sale sul monte Baldo fino ai 2132 metri di Cima Pozzette. Il 24enne altoatesino Hannes Perkmann (Sportler Team) si aggiudica la 2000 Ultimate Running Class in 1h28:43, migliorando il terzo posto della sua precedente partecipazione nel 2015. Alle sue spalle si conferma secondo Henry Hofer (Sarntal Raiffeisen) in 1h34:27, mentre chiude il podio Eddj Nani (Tornado), bellunese classe ’93, con 1h35:01. La gara femminile vede invece il bis della vincitrice nella passata edizione Antonella Confortola (Marathon Club Imperia), nonostante un infortunio al tendine, con 1h58:06. Secondo posto di Anna Pircher (Rennerclub Vinschgau, 2h02:16), al quarto podio consecutivo nella manifestazione organizzata dall’Us Monte Baldo, terza Francesca Setti (Gs Orecchiella Garfagnana, 2h05:04). [RISULTATI/Results]

IOZZIA IN AUSTRIA - Secondo posto per Ivana Iozzia alla Sparkasse 3 Länder-Marathon di Bregenz, in Austria. La 44enne comasca della Calcestruzzi Corradini Excelsior Rubiera, che nella scorsa edizione aveva conquistato il successo, chiude stavolta in 2h43:44 alle spalle della tedesca Brendah Kebeya, vincitrice in 2h40:21. Nella gara sul lago di Costanza, con partenza dall’isola di Lindau in Germania, si tocca anche la Svizzera prima del traguardo in territorio austriaco. [RISULTATI/Results]

l.c.

(da comunicati stampa Organizzatori)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: