Meeting Mario Agosti

22 Luglio 2018

Gran giavellotti e Intitolazione a Chessa


 

(In Copertina Zahra Bani e Mauro Fraresso)

 

Di Franco De Mori

La nuova pista del "Mario Agosti" di Pordenone, pur essendo già stata usata per la 2^ fase regionale del CdS Assoluto e per i Campionati Studenteschi, è stata ufficialmente inaugurata, con tanto di taglio del nastro, dal Sindaco di Pordenone Alessandro Ciriani, dall'Assessore Regionale allo Sport Tiziana Gibelli, dal Consigliere Federale della FIDAL Elio De Anna e dal Delegato del CONI di Pordenone Giancarlo Caliman. Subito dopo le Aurorità si sono trasferite sotto alla tribuna dove in una toccante cerimonia è stata scoperta una targa di intitolazione dell'impianto indoor allo scomparso Prof. Gianfranco Chessa in cui sono intervenuti il Presidente Regionale della FIDAL Guido Pettarin, quello Provinciale Ezio Rover e la vedova Gabriella Conedera affiancata dalle due figlie.

Ma "the show must go on" ed il circo dell'Atletica ha ripreso a girare con i giavellottisti Mauro Fraresso delle Fiamme gialle e Zahra Bani delle Fiamme Azzurre che si sono aggiudicati il "Memorial Mario Agosti" con rispettivamente 71,47 e 54,17. Mario Agosti, il cui figlio Agostino era presente alle gare, è stato un giavellottista azzurro ed il primo Presidente del CONI di Pordenone. Sempre Fraresso e la Bani hanno portato a casa il premio per la migliore prestazione tecnica del Meeting. Il finanziere ha prevalso di soli 4 punti sull'idolo locale Abdoullah Bamoussa vincitore dei 3000 siepi in 8'46"79 su Leonardo Feletto, passato quest'anno da Brugnera all'Atletica Mogliano, accreditato di 8'53"37. Bamoussa la settimana scorsa aveva corso in Belgio in 8'27"72 ma non è stato sufficiente per convincere il CT Elio Locatelli ad inserirlo nella squadra per Berlino.

I 100 sono stati appannaggio del veneto Lodovico Cortellazzo che ha trionfato nella finale, dopo le batterie avversate dal vento contro che ha anche raggiunto i -2.6, con un bel 10"53 (+ 0.2). Bene il nostro Nicola Martorel che dopo un lungo periodo torna sotto gli 11" con 10"94. Anche Cristiano Giovanatto e Luca Tripodi si migliorano rispettivamente con 49"93 sui 400 e 3'56"41 sui 1500 nelle gare vinte dallo sloveno Jernej (48"63) e dal neo acquisto della Biotekna Marcon Mohamed Zerrad (3'50"65).

Al femminile vittoria di un soffio sui 100 di Johanelis Herrera su Elisa Paiero (12"04 a 12"05), trionfo di Eleonora Vandi sui 1500 in 4'25"79 con la nostra Naima Masoudi a 4'42"77 mentre le gare con il maggior contenuto tecnico sono stati i 400 con la veronese Polinari a 54"94, la trentina Peterle a 55"42 e la vicentina Marotti a 55"81 ed il giavellotto dove la Bani ha preceduto la slovena Letnar (51,47) e Federica Botter (48,94).

 

Guarda Tutti i Risultati da Pordenone: 24°Meeting Mario Agosti

 


Abdoullah Bamoussa(foto fvg/fidal)


Condividi con
Seguici su: